Come funziona

In foto: prima conferenza stampa della seconda edizione al mai mai (Ristorante, ospitante la prima sfida)

Il format del Piatto Forte si è sempre contraddistinto per la sua semplicità: 9 candidati che superano una preselezione, si sfidano a gruppi di 3, in 3 ristoranti diversi che hanno dato la disponibilità ad accogliere le serate.

 

 

 

 

 

 

In foto: La Giuria Tecnica composta da Valeriano Petrini e Claudio Serra (Gastronomi e Sommelier AIS), valuta i piatti dei concorrenti tramite apposite schede di valutazione durante una delle serate del concorso. L’AIS ha fino ad oggi omaggiato le serate del Piatto Forte scegliendo sempre gli abbinamenti dei vini ai piatti proposti dai concorrenti.[dropcap]O[/dropcap]gni serata selezionerà, tramite le tre componenti di giuria, un solo finalista.

La Giuria è così composta:

  • 1 o 2 componenti della Giuria Tecnica appartenenti al ramo dell’enogastronomia;
  • Giuria Popolare, cioè il pubblico a cena;
  • Il Ristoratore o il coordinatore della cucina.

Tutte le componenti di giuria hanno le loro schede di valutazione dei piatti. Solo il ristoratore valuterà anche l’organizzazione dei concorrenti dietro le quinte.

 

 

Le serate finali del PIATTO FORTE vengono sempre contraddistinte da un Dress Code ispirato al tema che viene assegnato alla manifestazione di anno in anno.

Pin It on Pinterest

Share This